Tutti gli articoli di Viviana

DACIA Sandero Stepway: un compatto con una forte personalità

Per la sua terza generazione di Sandero, il produttore franco rumeno offrirà ancora una volta una versione migliorata con DACIA Sandero Stepway. Buone notizie, soprattutto perché la versione Stepway è una delle più vendute nella gamma DACIA. È per questo motivo che il produttore a basso costo ha deciso di mantenere molti elementi estetici che hanno contribuito al successo di questo compatto SUV. La nuova DACIA Sandero Stepway offrirà quindi ancora una volta uno stile giovane e dinamico, perfetto per gli amanti della fuga. Comodo in città come in campagna, questo piccolo SUV urbano, progettato per l’ultimo trimestre del 2020, ha in serbo delle belle sorprese. Concentrati su questo nuovo promettente modello. 

DACIA Sandero Stepway: presupposto uno stile da “avventuriero”

 

Stai cercando un veicolo con una forte personalità? La versione Stepway di DACIA Sandero potrebbe convincerti. La compatta rumena ancora una volta afferma il suo aspetto di un piccolo SUV urbano e il suo stile da avventuriero. 

Come Sandero III, questa nuova versione di Stepway poggerà comunque su una base tecnica più moderna. Equipaggiato con la nuova piattaforma CMF / B dall’alleanza dei costruttori Renault-Nissan, il Sandero Stepway sarà più vicino alla Renault Clio V con questa stessa base tecnica, in una versione più sviluppata. 

Dal lato del motore, la versione a benzina sarà dotata di una gamma di motori sufficientemente potenti. La Dacia Sandero Stepway è offerta nella versione diesel, e molto probabilmente in una versione ibrida. 

 

DACIA Sandero Stepway: un compatto affidabile e modulare 

Il nuovo DACIA Sandero Stepway sarà svelato e commercializzato nell’ultimo trimestre del 2020. Saranno offerte due versioni: una versione Ambiance con uno stile dinamico e una versione Prestige che offrirà attrezzature più moderne. Portapacchi, passaruota allargati, listelli personalizzabili, cerchi da 16 ” … la compatta rumena offrirà attrezzature tanto pratiche quanto estetiche. In termini di progressi tecnologici, Sandero Stepway sarà dotato di un limitatore di velocità, assistenza al parcheggio, aria condizionata regolata o persino una telecamera a 360 °, come sul Duster.

Ci saranno anche il livello degli interni, l’estetica e l’ergonomia. Spaziosa e confortevole, la Stepway di terza generazione si piegherà in quattro per adattarsi alle tue esigenze. Grazie al sedile posteriore diviso e al bagagliaio da 320 litri, ti accompagnerà, indipendentemente dal percorso. Modulare, robusto e affidabile, sarà in grado di resistere alle condizioni stradali più impegnative. 

 

Prevista per l’ultimo trimestre del 2020, la nuova generazione di DACIA Sandero Stepway dovrebbe vedere il suo aumento dei prezzi leggermente dovuto ai suoi numerosi progressi tecnologici e alla qualità dei suoi materiali. Tuttavia, consolida la sua immagine di compatte e dinamiche città e campagna, ideale se vuoi pensare fuori dagli schemi! 

 

Prenditi cura del tuo veicolo con i nostri coprisedili DACIA Sandero Stepway. Scopri anche i tappetini DACIA Sandero così come il tappetino bagagliaio Dacia. E per il corpo della tua DACIA Sandero Stepway, abbiamo anche ciò che serve con i nostri teloni auto personalizzati

 

Fai un buon viaggio! 

Peugeot 5008: il momento del restyling

È un anno impegnativo per il produttore Peugeot! Il 2020 sarà l’anno del rinnovo dei SUV della casa francese. Come la sua variante a 5 posti, la Peugeot 3008, la 5008 beneficerà di un piccolo lifting necessario per emergere dall’ombra della sua controparte. Con le sue 31.000 copie vendute in Francia nel 2019, la Peugeot 5008 è ancora orgogliosa dei suoi traguardi rispetto ai suoi concorrenti come la Nissan Qashqai o la Renault Kadjar. Questo rinnovo estetico sarebbe anche un’opportunità per la casa automobilistica di integrare una nuova versione ibrida. Riflettori puntati su questo nuovissimo modello. 

Peugeot 5008: restyling discreto

La 5008 è la prima monovolume compatta della casa automobilistica Peugeot. Dopo una presentazione ufficiale al Motor Show di Francoforte nel settembre 2009,la Peugeot 5008 viene commercializzata. Ripete le linee principali del 3008, ma beneficia di una lunghezza più imponente. Il suo interno spazioso e modulare gli conferisce un comfort incomparabile.  

La Peugeot 5008 beneficerà di un restyling piuttosto leggero con una firma leggera completamente nuova nel menu, come i modelli 3008 e 2008. Una nuova grafica con l’aspetto sportivo che non si perde mai. Infine, la parte posteriore del veicolo sarà costituita da LED ad effetto 3D.

All’interno, il comfort è essenziale con la presenza di ausili alla guida come sensori di parcheggio, nella parte anteriore e posteriore del veicolo, il sistema VisioPark, il cruscotto digitale o il console a soffitto. 

Infine, dal lato del motore, tutti i blocchi attuali, vale a dire i motori a benzina e diesel, saranno rinnovati. 

 

Una versione ibrida per la nuova Peugeot 5008  

L’attuale architettura del SUV Peugeot 5008 ha impedito qualsiasi installazione di un motore elettrico a causa dei suoi sedili ribaltabili sotto il pavimento. Ma questo dettaglio potrebbe presto essere un ricordo del passato. In effetti, Peugeot prevede di ridurre le dimensioni di questa tecnologia per consentire l’ibridazione ricaricabile del suo monovolume compatto. 

Questa rivisitazione è quindi un’opportunità per il produttore di automobili di prendere in considerazione una versione ibrida per affrontare i formidabili concorrenti del gruppo Volkswagen (Seat Tarraco, Skoda Kodiaq) pronti a disegnare questa nuova tecnologia. 

 

È quindi un programma intenso in attesa dopo la 3008, è la volta della 5008 a beneficiare di una rivisitazione, leggera ma necessaria per mantenere la rotta davanti ai suoi concorrenti. Anche se è previsto un aumento dei prezzi, la nuova versione della Peugeot 5008 sembra già molto promettente. 

 

Hai ceduto al fascino e al comfort della Peugeot 5008 ? Quindi, preservalo al massimo grazie ai nostri coprisedili di qualità. Non esitate a visitare il nostro sito e scoprire la nostra vasta gamma di coprisedili su misura Peugeot 5008. Ricorda di proteggere il rivestimento del tuo veicolo. In effetti, l’interno di un minivan è spesso sottoposto a severi test. Scopri i nostri tappetini su misura Peugeot 5008 e i nostri tappetini per baule per Peugeot 5008.

 

Buon viaggio a tutti voi!

DACIA Sandero: la terza generazione confermata

La nuova DACIA Sandero arriva! È ufficiale, il produttore franco-rumeno sta preparando la terza generazione della famosa city car. Commercializzata dal 2012, Sandero ha riscosso un grande successo in Francia e in Europa per diventare il bestseller del marchio. La DACIA arriverà la nuova versione, ma per il momento le informazioni rivelate sono ancora piuttosto scarse. Una cosa e’ certa abbiamo ben visto la Sandero ai test completi e ci si aspetta molte somiglianze con Clio 5. Riflettori puntati sulla stella delle auto a basso costo.

DACIA Sandero: una trasformazione radicale

Anche se la silhouette del Sandero avrà grandi somiglianze con il modello attuale, la regina degli abitanti della città a prezzi bassi farà un salto nel passato. I designer del marchio volevano dargli un vero tocco di modernità. La carrozzeria della DACIA Sandero avrà quindi linee più morbide e una nuovissima firma leggera. In effetti, la grafica dell’ottica posteriore e anteriore verrà rivista grazie ai fari rettangolari e una linea a LED orizzontale nel mezzo delle luci. Si prevedono grandi somiglianze con la Renault Clio 5 e la DACIA Sandero dovrebbe usare la stessa piattaforma CMF-B di suo cugino. Questa piattaforma è stata utilizzata dal 2013 e già equipaggia molti veicoli a marchio Renault. In particolare, ospiterà un gran numero di motori e ridurrà i costi.

Nuovo sotto il cofano per la 3a generazione

Per questa nuova generazione, saranno ovviamente disponibili motori Diesel, Benzina e GPL, ma anche il produttore franco-rumeno trarrà vantaggio da questo lancio per iniziare la sua transizione verso la mobilità elettrica, dal momento che Sandero sarà disponibile anche in versione elettrica al 100%. L’obiettivo è ridurre le emissioni di CO2, al fine di soddisfare gli standard della legislazione europea.

In termini di nuove tecnologie, DACIA Sandero sarà dotato di un sistema multimediale e di aiuti alla guida. Una panoplia di novità che potrebbero far salire i prezzi, mentre la ragione di DACIA è proprio il costo interessante dei suoi veicoli. Anche se si deve prevedere un aumento dei prezzi, il divario con la concorrenza sarà sempre significativo, ed è sicuramente ciò che farà ancora il successo di questa terza generazione

 

Il lancio di DACIA Sandero è previsto per il Mondial de Paris 2020. Il suo marketing è annunciato per l’autunno 2020, se la crisi sanitaria non interrompe i tempi. Quest’anno promette di essere impegnato per la casa automobilistica, che sta anche preparando la versione Stepway del Sandero, che è anche molto atteso dai seguaci del marchio. 

 

La Dacia Sandero ti ha sedotto? Non dimenticare di prenderti cura di lei e dotarla di protezioni auto di alta qualità. Scopri i nostri coprisedili DACIA Sandero e i nostri tappetini auto su misura Dacia Sandero. Ricorda che anche il tuo baule e’ messo a dura prova spesso tutti i giorni! Proteggilo allora con tappetini bagagliaio DACIA Sandero, interamente progettati su misura. 

 

 

Peugeot 307: un successo innegabile

Lanciato in Europa nel 2001, la Peugeot 307 è stata rapidamente eletta auto dell’anno nel 2002. Affrontando il mercato dei veicoli compatti, è diventata rapidamente un attore importante in questo segmento rispetto ai suoi concorrenti come Renault Mégane II, Ford Focus o Volkswagen Golf V. Dopo un necessario restyling nel 2005, la Peugeot 307 lascia il posto nel 2008 alla 308. 

Peugeot 307: un successo mondiale

Prodotta tra il 2001 e il 2008 e prodotta al ritmo di 2.050 veicoli al giorno, la Peugeot 307 ha alle spalle una buona carriera. Quinta più venduta in Europa, la Peugeot 307 fa anche meglio della sua sorella maggiore: la 306. Ci è riuscita anche nel 2001 e si è distinta rapidamente grazie alle sue dimensioni più grandi, e alcuni elementi come il suo parabrezza degno di un MPV che gli conferisce una visibilità eccezionale. La Peugeot 307 divenne rapidamente una figura emblematica nel suo settore, grazie ai suoi diversi motori e corpi multipli. In effetti, la Peugeot 307 è disponibile in una versione a 3, 4 o 5 porte. Ha anche una versione convertibile (la 307 CC), un derivato di minivan (chiamato SW) e una versione di station wagon. 

Esportata in oltre 138 paesi, la Peugeot 307 è un vero strumento per conquistare il mercato internazionale per il produttore del leone. Anche la compact Peugeot subirà un restyling nel 2005 per aumentare le vendite. Pertanto, avrà un cofano più corto e nuovi proiettori ellittici allungati, al fine di adottare i nuovi codici estetici del marchio. All’interno, la Peugeot 307 subirà pochissime modifiche. 

2008: fine per la Peugeot 307

Nel 2008, con l’arrivo della 308, la 307 si ritirò. Dopo oltre 3 milioni di copie vendute, la Peugeot 307 lascia spazio all’ultima nata dal produttore Peugeot. Il 307 ebbe un vero successo, a volte anche mettendo in difficoltà i subappaltatori, poiché il tasso di produzione era così alto. Per celebrare l’occasione, la fabbrica Peugeot Sochaux ha battezzatol’ultima copia di questo bestseller “la der”. Questo definitivo 307, la cui carrozzeria è coperta da 400 ritratti dei dipendenti che hanno contribuito alla sua fabbricazione, non sarà venduto e sarà esposto all’ Adventure Museum Peugeot di Sochaux. 

 

Durante questi 8 anni di marketing, la Peugeot 307 ha quindi venduto oltre 3 milioni di copie. Sono 700.000 i veicoli in più rispetto al Megane 2. Una valutazione più che lusinghiera per il produttore del leone che intendeva fare lo stesso con il 308.

 

Per prendersi cura del marchio Peugeot, non esitate a navigare il nostro sito. Scoprite i nostri coprisedili su misura per auto Peugeot 307 e Peugeot 307 SW. Non dimenticare di preservare anche il rivestimento del tuo veicolo con i nostri tappetini auto per Peugeot 307, e tappetino per bagagliaio personalizzato in gomma o moquette, abbiamo una vasta gamma  per soddisfare tutte le tue esigenze. 

 

Buon viaggio! 

 

 

 

 

 

Golf VI: nuova versione o un semplice restyling?

Commercializzato il 9 ottobre 2008, proprio nel centro di Parigi, il Golf VI subentra alla versione precedente con il massimo rispetto per lo spirito del Golf! In effetti, il famoso produttore tedesco continua il suo slancio e minimizza i rischi con un nuovo modello che non cambia quasi nulla rispetto al precedente. Quindi Golf VI: come una nuova versione o semplice restyling? La nostra indagine e la nostra risposta.

Golf VI: fedele a se stesso

La Golf è una delle auto più vendute in Europa, attraverso le sue generazioni. Distribuito in oltre 26 milioni di copie dalla sua uscita nel 1974, la stella della gamma Volkswagen è gradualmente riuscita ad affermarsi nel segmento delle berline compatte. Ma niente sembra più un Golf di un altro Golf! Infatti, per non dispiacere ai suoi clienti, il Golf deve saper evolvere per attirare nuovi acquirenti, ma in modo discreto, per non deludere i suoi fan. Con la Golf VI, la scommessa ha quindi un discreto successo! Tanto che è difficile capire la differenza con il Golf V.La modifica funziona ma nella continuità del modello precedente. Le linee non cambiano molto, e neanche le dimensioni. Il corpo ancora robusto, tuttavia, appare più moderno, con linee più strette e un aspetto più sportivo e più atletico. A livello visivo, anche il design delle luci anteriori differisce. 

 

Golf VI: poco più di un semplice restyling 

 

All’interno possiamo notare una qualità chiaramente superiore al modello precedente con una finitura che si avvicina a quella del produttore Audi. Al volante, la berlina compatta tedesca rimane fedele a se stessa con una posizione di guida ideale. 

È in termini di motore che il cambiamento funziona. In sostanza, la Golf VI offre tre motori di grande sobrietà. È dalla parte dei motori Diesel che la rivoluzione è essenziale con l’abbandono delle pompe iniettori a favore di un alimentatore Common-Rail di terza generazione. Dimentica i clic dei vecchi TDI, il Golf VI è discreto! Efficiente quanto rassicurante, il Golf VI mantiene un comportamento piacevole sulla strada, in ogni circostanza, grazie allo smorzamento perfettamente calibrato. 

 

Nonostante uno sguardo un pochino troppo vicino al modello precedente, la Golf VI rimane una scommessa sicura della gamma Volkswagen. Questa berlina compatta con un’immagine “inossidabile” ha ancora un futuro luminoso davanti.  

 

Sei anche tu un fan del golf, o più precisamente del golf VI? Proteggilo dai pericoli quotidiani grazie alle nostre molteplici protezioni: coprisedili per Volkswagen Golf VI o tappetini su misura Golf VI.. Tutti i nostri prodotti sono progettati con materiali innovativi e di alta gamma, per una protezione efficace in ogni circostanza. Non esitate a navigare nel nostro sito

 

E non dimenticare di fare un buon viaggio! 

 

 

 

KIA Sportage: il SUV dal 1993 a oggi

L’intramontabile KIA Sportage per oltre 10 anni, il best-seller KIA. Lanciata nel 1993, è stato rapidamente uno dei pilastri del marchio nella sua operazione di seduzione in Europa. Un vero pioniere della famiglia SUV, ha dovuto subire alcune piccole modifiche per rimanere in gara, affrontando formidabili concorrenti. Riflettori puntati su questo SUV con un successo senza precedenti. 

 

KIA Sportage: un grande successo commerciale

Inaugurato da KIA nel 1991 e lanciato nel 1993, KIA Sportage si è rapidamente affermato come uno dei punti di riferimento nel segmento dei SUV compatti. Va detto che dal suo lancio, lo Sportage ha venduto oltre cinque milioni di copie. È proprio la terza generazione che ha permesso di evidenziare questo SUV. Campione di vendite della gamma di produttori coreani, la quarta puntata della KIA Sportage è stata presentata al Motor Show di Francoforte nel 2015, ed è stata quindi lanciata a gennaio 2016, contemporaneamente alla nuova HYUNDAI Tucson. 

Di fronte a concorrenti con argomenti formidabili, come la Peugeot 3008 o la Volkswagen Tiguan, lo Sportage anche beneficia nel 2018 di un piccolo restyling. Con le sue dimensioni che si estendono di 4 cm, questa quarta generazione si è evoluta in modo cauto, conservando tuttavia i vantaggi della generazione precedente. Non sorprende che la KIA ritocchi lo Sportage molto delicatamente, mantenendo gli elementi chiave che hanno reso il successo del suo SUV. Più moderno e più comodo, il KIA Sportage non manca di equipaggiamento di sicurezza e di volume: limitatore di velocità intelligente, riconoscimento dei segni, avviso di partenza corsia sono presenti dal secondo livello di equipaggiamento. Grazie a loro, eviterai efficacemente le multe per eccesso di velocità! Infine, è dotato del sistema di supporto della traiettoria, di un dispositivo anticollisione e di una telecamera posteriore, anteriore e laterale, per facilitare notevolmente le manovre. Un vero riassunto delle attrezzature di sicurezza che giustifica il suo prezzo elevato, tuttavia neo nel portafoglio.

Kia Sportage: qualcosa di nuovo sotto il cofano

Già molto piacevole da vivere e guidare, la KIA Sportage subirà i suoi maggiori 

cambiamenti sotto il cofano. Nel diesel, i motori 1.7 CRDI 115 e 2.0 CRDI 136 sono stati sostituiti dal 1.6 CRDI, disponibile in 115 e 136 CV, e un 2.0 CRDI 185 CV con ibridazione leggera. Grazie a un alternatore a 48 V, il SUV KIA mostra una elevata potenza in situazioni di avvio e riavvio. Abbinato a un cambio automatico a 7 marce, questo modello offre un ottimo comfort di guida e gli permette di raggiungere un’autonomia di 485 km. La gamma di benzina rimane invariata. 

 

La KIA Sportage vi ha sedotti? Ricordateve allora che mantenerla come nuova e’ più facile che ovviare a danni ormai fatti. Così la nostra gamma di tappetini per auto KIA Sportage e il sapere fare dei nostri stilisti professioni con i coprisedili su misura KIA Sportage non vi deluderanno, proteggendo in stile. Per essere sicuri di completare l’opera ecco a voi anche il tappetino baule completamente personalizzabile, per un interno impeccabile.  

 

Buon viaggio! 

 

Renault Twingo II: la cittadina trasformata

La Renault Twingo dalla sua prima apparizione ha lasciato un’impressione duratura. Le sue dimensioni, i suoi colori vivaci e la sua faccia buffa l’hanno resa rapidamente un vero successo. In effetti, in Italia la piccola cittadina conosce bene i veri momenti di gloria, mentre all’estero è un po ‘evitata. Ecco perché nel 2007, la Renault Twingo di prima generazione ha fatto il suo ultimo giro in strada. Il marchio del diamante impone a questa figura storica un sorprendente restyling, che lascerà il posto al Twingo II. Le differenze sono sorprendenti! Riflettori puntati su questa seconda generazione!

Renault Twingo II: restyling spettacolare  

Nel 2007, dopo oltre 14 anni di servizio buono e fedele, la Twingo ha lasciato il posto alla Twingo II. Il restyling è eccezionale. Il produttore di diamanti ha completamente rivisitato il design della famosa city car francese. La nuova Renault Twingo II non ha nulla a che fare con la vecchia versione. Dice un po’ ciao a quel viso di rana, lo stile divertente e i colori vivaci. Niente più eccentricità! La nuova versione mira ad essere più sobria e più razionale. Deve raggiungere un pubblico più ampio e soprattutto più maschile. Renault si rivolge anche a una clientela più internazionale. In effetti, l’archetipo della piccola auto francese non ha attratto il pubblico spagnolo. Con questa nuova versione, la Renault vuole correggere la situazione, e soprattutto affrontare una competizione crescente caratterizzata dalla KIA Picanto o da altre Fiat 500. Meno originale, la Renault Twingo II sorprende e ne parla. Se le sue linee si dimostrano molto più conformiste, il suo motore allargato non lascerà nessuno indifferente. Con motori diesel da 65 CV e 85 CV, la nuova Renault Twingo II offre tutti i mezzi per rimanere in gara nel segmento cittadino. 

 

Renault Twingo II: fedele a se stessa nonostante tutto

Nonostante il suo nuovo aspetto, all’interno, le differenze si stanno sbiadendo. La nuova Renault Twingo conserva i suoi vantaggi, come i numerosi spazi di stivaggio e persino i sedili scorrevoli e pieghevoli. Mantiene la sua disposizione a 4 posti, tuttavia il suo sedile posteriore scorrevole è sostituito da due sedili singoli e scorrevoli, per motivi di modularità. Questa stella ha dimostrato un’abitabilità altrettanto interessante, per una dimensione più ampia. Comodo e divertente da guidare, l’interno della piccola city car Renault subisce sviluppi piuttosto discreti, a differenza dell’esterno.

 

Uno stile va ovunque, un aspetto più razionale, Renault car ha puntato tutto sulla rivisitazione esterna della sua city. Nonostante un interno con evoluzioni semplici e discrete, la Renault Twingo II riesce nella sua scommessa: far parlare di sé e raggiungere un pubblico più ampio. Da sempre amata e apprezzata, è rimasta per anni un vero punto di riferimento nel segmento delle city car. 

Hai ceduto al fascino della Renault Twingo II? Mantieni il suo valore grazie ai nostri coprisedili Renault Twingo II. E poiché un’efficace protezione non si limita alle coperture delle auto, scopri i nostri prodotti senza ulteriori indugi tappetini auto Renault Twingo II e i nostri tappetino baule, per un veicolo completamente protetto in stile.

Buon viaggio a tutti voi!

Alfa Romeo: addio Biscione!

 

Alfa Romeo: un logo speciale per i suoi 110 anni 

Dopo Citroën nel 2019, è la volta dell’Alfa Romeo di essere sotto i riflettori per quest’anno 2020. Il 24 giugno, il marchio celebrerà i suoi 110 anni : l’opportunità per i suoi designer di creare un nuovo logo vestito di passato ma dal sapore del futuro. 

Alfa Romeo: 110 anni di storia

ALFA è nata nel 1910 a Milano, dopo l’acquisizione da parte di un gruppo di industriali e finanziatori di una piccola struttura presente nella costruzione di automobili. Sul punto di fallire nel 1915, fu rilevato da Nicola Romeo, un ingegnere napoletano, che gli diede il suo nome. Fu sotto la sua guida che l’azienda conobbe il suo primo periodo d’oro. Ma fu nel 1950 che il produttore Alfa Romeo conobbe il suo periodo più importante con i suoi modelli Alfa Romeo 1900 e Alfa Romeo Giulietta, che segnarono la sua storia. Questa prosperità, per quanto fragile, non resisterà allo shock petrolifero e alle difficoltà finanziarie dell’azienda. Fu nel 1986 che la FIAT, sua rivale, iniziò una profonda ristrutturazione per evitare il peggio per il produttore Alfa

Oggi, per celebrare il suo 110 ° anniversario, Alfa Romeo ha pianificato un intero programma di manifestazioni ed eventi, che promette grandi sorprese. 

 

Il nuovo logo Alfa Romeo 

A differenza di altre case automobilistiche, Alfa Romeo ha sempre mantenuto lo stesso logo sin dalle sue origini. Il nuovissimo, firmato Robilant Associati, è stato immaginato per rappresentare sia il passato che il futuro dell’azienda. Sarà esposto su tutte le auto che lasceranno le linee di produzione nel 2020 e accompagneranno ogni evento del marchio durante tutto l’anno. Il nuovo logo Alfa Romeo non dovrebbe destabilizzare i suoi clienti. Più moderno, conserva tutta l’iconografia cara al marchio e rimane fedele ai suoi elementi emblematici. 

È il numero 110 che prende il posto del logo e che si scompone in diverse dimensioni: la dimensione crescente dei primi due numeri “1” simboleggia la transizione dell’azienda dal passato al presente. Per quanto riguarda lo zero, cattura lo sguardo con le sue dimensioni abbastanza grandi da contenere il famoso “biscione”, simbolo del marchio Alfa. Sotto il logo, i progettisti volevano mantenere lo stesso carattere per la firma della casa automobilistica.  

Nuovo logo, nuovo slogan, Alfa Romeo intende continuare a indossare l’orgoglio italiano sulle strade e rafforzare l’immagine del proprio marchio. Un anno 2020, ricco di celebrazioni, che probabilmente riempirà i fan della famosa casa automobilistica. 

Sei un seguace del marchio Alfa Romeo ? Non esitare a scoprire i nostri accessori auto Alfa Romeo, per proteggere la tua Alfa con lo stile che si merita. Scegli tra i nostri coprisedili auto Alfa Romeo studiati sulle misure originali della casa automobilistica. Pensa all’interno con un abitacolo protetto ed elegante con i tappetini su misura Alfa Romeo tutti personalizzabili e non perdere di vista il baule della tua Alfa. Troppo spesso dimenticato è proprio lì che si accumula lo sporco e allora proteggilo con il tappetino baule personalizzabile e su misura Alfa Romeo e finisci con la cura della carrozzeria, grazie ai nostri teli copriauto Alfa Romeo.

Renault Scénic 4: un nuovo stile

Dopo tre generazioni e 5 milioni di auto vendute, la Renault Scénic 4, il famoso minivan del produttore francese, sta cambiando il suo stile. Presentata al Salone di Ginevra 2016, la Renault Scénic 4 ha un aspetto più muscoloso e una forte personalità per adattarsi alla nuova tendenza nel mercato automobilistico. Una breve panoramica di questa nuova generazione di monovolume compatti

 

Renault Scénic 4: un design più dinamico e più sexy

Il punto di forza di questa quarta generazione è decisamente il suo stile. Infatti, la vendita di minivan è leggermente in calo rispetto a quella dei SUV, il costruttore Renault ha deciso di adattare il suo minivan. Per seguire questa nuova tendenza motivata dall’aspetto familiare e sportivo del SUV, Renault ha scelto un design più attraente, più dinamico e più sexy per Scénic 4. Sebbene la versione a 5 posti sia sempre stata favorita grazie al suo volume di bagagliaio più grande, Renault continua a declinare il suo minivan in due lunghezze: una versione corta che si estende per 4,41 metri e una versione lunga con il Grand Scénic.

Grazie al suo corpo più lungo e più largo, ma anche più alto del suo predecessore, lo Scénic 4 compete con la Citroën C4 Picasso, la Ford C Max o la Kia Carens.

In termini di sicurezza, il nuovo Scénic 4 non ha nulla da invidiare ai suoi concorrenti: sistema ISOFIX, 6 airbag, sistema di frenata di emergenza, ecc. Il suo parabrezza panoramico e trittico migliora anche la visibilità e la visione laterale, per una guida piacevole e completamente sicura.  

 

Renault Scénic 4: modularità e vivibilità

All’interno, la vivibilità di Scénic 4 è migliorata rispetto alla versione precedente. Nella parte posteriore, il comfort è migliorato grazie all’abbandono dei sedili indipendenti ed estraibili a favore di un sedile posteriore a scomparsa. Per quanto riguarda il frontale, lo Scénic 4 presenta bellissimi volumi e un’abitabilità sufficientemente spaziosa. Ha una buona posizione di guida e ampi spazi di archiviazione grazie a una console centrale che consente di memorizzare un buon numero di oggetti e di ricaricare i dispositivi sulle porte USB. Sul lato passeggero, Renault ha preferito sostituire il vano portaoggetti con un cosiddetto cassetto “Easy Life“, che potrebbe tuttavia intralciare con le ginocchia del passeggero. 

All’avanguardia della tecnologia, questo monovolume compatto ha il vantaggio di offrire (a seconda della versione scelta) equipaggiamento relativamente completo: cruscotto con touch pad verticale, aria condizionata a 2 zone, GPS per la versione SL Limited, telecamera per retromarcia, fari Full LED per la versione Intens o sedili elettrici riscaldati per la versione Initial Paris. Una scommessa piuttosto riuscita per il produttore che può sentirsi soddisfatto delle sue scelte.

MPV o SUV, non dimenticare di prenderti cura del tuo veicolo e della sua tappezzeria. I sedili raffinati o sportivi delle auto meritano la tua attenzione, eppure proteggerli quotidianamente e’ davvero una mission impossible. Allora semplificati la vita con i nostri coprisedili su misura Renault Scénic 4. E non dimenticare di proteggere davvero il tuo abitacolo prova i tappetini auto Scenic 4. Interamente su misura, sono installati e adattati senza alcuna difficoltà. 

 

Non vi resta che partire e allora a noi non resta che augurarvi un ….

Buon viaggio! 

 

 

 

Dispositivi anti abbandono in auto

Dispositivi anti abbandono  in auto

Nel mirino delle polemiche,  i dispositivi Anti abbandono. Tante le polemiche e pochi gli incentivi,  dal 7 novembre dello scorso anno in Italia obbligatori nel seggiolino per bambini questi nuovi dispositivi.

 

Da questo momento in poi abbiamo visto la legge 172 Del nuovo Codice della Strada, entrata in vigore,  nel installa un abbandono. Ma di cosa si tratta esattamente? quando parliamo di un dispositivo anti abbandono nel seggiolino dei più piccoli,  di cosa davvero parliamo?

Cos’e’ il dispositivo anti abbandono?

 

A volte una specie di “cuscinetto” da sistemare direttamente sotto un normale seggiolino auto per bambini, in altri si tratta di sensori già integrati in alcuni modelli di seggiolini. Collegati a volte a un allarme vero e proprio allarme che viene attivato ogni volta che il conducente dell’auto si allontana. Altri tipi notificano il pericolo sul cellulare, via app e Bluetooth. Sono i cosiddetti “sistemi anti abbandono” e hanno tutti il medesimo scopo: evitare che i genitori dimenticano i propri bimbi in macchina.Un dispositivo costoso che per il suo acquisto prevede però la possibilità di richiedere un contributo. Questo contributo sarà poi erogato tramite il rilascio di un buono spesa elettronico, allora del buono è di €30 e dal 20 febbraio del 2020 ci si dovrà registrare sulla piattaforma informatica pensata tramite il sito www.mit.gov.it. Questa è la piattaforma che ci offre la possibilità dietro registrazione di richiedere il contributo. Per chi lo ha già acquistato, cosa fare? 

Niente paura, il contributo può essere erogato anche sotto forma di rimborso. Sempre entro il 20 febbraio bisogna registrarsi, per un contributo o per un rimborso allegando Ovviamente la copia del giustificativo della spesa sostenuta. Fino a esaurimento dei fondi stanziati. Ovvero 15,1 milioni per il 2019 e un milione per il 2020. 

L’articolo 172 del codice della strada è quello che prevede quindi il nuovo sistema di ritenuta e sicurezza per i bambini. Il regolamento nello specifico decreto è il numero 122/2019 del ministro per le infrastrutture e i trasporti, decreto seggiolino. Questo è il decreto A cui bisogna fare attenzione quando si sceglie il dispositivo anti abbandono. 

 

Fare bene attenzione perché i requisiti tecnici del dispositivo sono chiari e in alternativa vengono dettate le norme a cui ci si può affidare: 

 

  1. Il seggiolino può averlo in origine 
  2. Dotazione di base o accessori del veicolo compreso nel suo fascicolo di omologazione
  3. Indipendente dal sistema di ritenuta o del veicolo 

 

La polizia di stato ha emanato una circolare che specifica l’entrata in vigore dell’obbligo riguardante il seggiolino e il suo sistema di anti abbandono. Quest’ultimo infatti bisogna che si attivi in maniera automatica a ogni utilizzo, nessuna azione del conducente è prevista, si emette un segnale di allarme che si può percepire dentro e fuori il veicolo e che attira velocemente l’attenzione. I consigli della polizia sono chiari, verificata la conformità del dispositivo e i suoi requisiti tecnici previsti dal regolamento. Facciamo quindi bene intenzione alla documentazione tecnica che arriva con il dispositivo. Il decreto legge arriva con due allegati, l’allegato a riguardo ai dispositivi di primo e secondo tipo, quelli di terzo tipo. Il tutto rispetto alla normativa dell’Unione Europea per le condizioni di commercializzazione del dispositivo, detta anche normativa di armonizzazione Ue. 

 

In Italia tantissime le polemiche contro una legge che se protegge più piccoli è arrivata forse troppo all’improvviso nel nostro bel paese. Per questo si è cercato di opporsi assunzioni immediate, i siti tra cui ricordiamo Altroconsumo, e tanti i partiti politici che hanno reclamato per una estensione dei tempi di erogazione. Dopo Quindi le migliaia di richieste dei cittadini e delle associazioni dei consumatori anche ricordiamo, fu Lanza a pubblicare per prima la notizia: È in arrivo una moratoria fino al 6 marzo 2020 perché non installa nell’automobile il meccanismo anti abbandono sui seggiolini per i bambini fino ai 4 anni. PD, quanto si apprende, maratone mandamento al decreto fiscale collegato alla manovra che fa slittare di 4 mesi le sanzioni per chi non si adegua. Delle Infrastrutture, micheli, già dato disponibilità a una moratoria. L’iniziativa era stata annunciata nei giorni scorsi anche dal Movimento 5 Stelle. Attenzione quindi perché ormai siamo vicini a una moratoria che vede la fine i primi di marzo quindi il pagamento delle multe è inevitabile per chi non è provvisto del siste.

 

La sanzione prevista è cara, di multa è variabile e parte dagli €81 fino ad arrivare €326 è la decurtazione di 5 punti dalla patente. In caso di recidiva nei due anni successivi, la sospensione della licenza di guida da 15 giorni fino ai 2 mesi di tempo. 

Un pensiero….

 

Certo a noi rimane la questione, come si fa a dimenticare i bimbi nell’auto? In quela condizione ci troviamo per arrivare a tanto? Forse domande normali o no? Forse dobbiamo cominciare a prestare più attenzione alla ragioni e condizioni sociali che ci spingono a dimenticare addirittura il nostro bimbo nell’auto. 

 

A quelle condizioni un allarme  possiamo metterlo, e forse e’ già scattato da tempo!
Ma chi lo ascolta?